Warning: array_key_exists(): The first argument should be either a string or an integer in /web/htdocs/www.mostriselvaggi.it/home/wp-content/plugins/smart-cookie-kit/plugin_options.php on line 42
Cerca

Il libro delle emozioni

di Richard Jones e Libby Walden, De Agostini, 2016, ISBN: 978-8851139834 | Il cuore, si sa, è spesso un crogiolo di emozioni contraddittorie. Quotidianamente andiamo alla ricerca di spiegazioni che creino simmetrie, aneliamo paradigmi che procurino sollievo al disordine emotivo. Proviamo con lo psicologo, seguiamo corsi di auto-aiuto, riversiamo le nostre ansie su poveri confidenti che balbettano risposte inadatte. Eppure a fine giornata la confusione è sempre lì, il turbinio che alberga nel nostro animo non accenna a sopirsi. Oggi mi sono imbattuta in un albo illustrato che parla proprio di questo, dell’accettare la contraddittorietà dei nostri sentimenti.

Come? Cosa?

di Fabian Negrin, Orecchio Acerbo, 2016, ISBN: 9788899064266 | Cos’è il vento? Ma soprattutto, come poter spiegare ad un bambino la sua entità? Il dizionario non sembra dare molte spiegazioni. Questo albo illustrato di Fabian Negrin, invece, riesce a ricrearlo attraverso i disegni e le parole.

Shh! Abbiamo un piano

di Chris Haughton, Lapis Edizioni, 2015, ISBN: 978-8878744097 | Chris Haughton è un autore molto giovane, che ha pubblicato diversi libri per bambini negli ultimi cinque anni. Il suo mondo è popolato di animaletti, dal libro d'esordio Oh-oh!, storia di un gufetto caduto dal nido, all'ultimo Buonanotte a tutti, in cui entriamo nelle tane di orsi e scoiattoli per scoprire le loro abitudini notturne. Da Buonanotte a tutti è nato un progetto di realtà virtuale sulle stagioni e sugli animaletti, ancora in corso di sviluppo. Si chiama Little Earth e sono molto curioso di vederlo. Però se dovessi scegliere il mio preferito tra i libri di Chris Haughton, non esiterei a dire Shh! Abbiamo un piano. In continuità con le altre opere per quanto riguarda le illustrazioni, è stato amore a prima vista perché, rispetto agli altri libri, ha una marcia in più nella storia.

La donna dai capelli rossi

di Orhan Pamuk, Einaudi, 2017, traduzione dal turco di Barbara La Rosa Salim, ISBN: 978-8806232115 | Vincitore della XIV edizione del Premio Letterario Internazionale "Giuseppe Tomasi di Lampedusa". Accingersi a scrivere la recensione di un libro di Orhan Pamuk, premio Nobel per la letteratura nel 2006, sapendo che non ci si potrà esimere dal giudicarlo negativamente, non è cosa facile. Ma nel caso de La donna dai capelli rossi, anche volendo, sarebbe difficile fare altrimenti. La vicenda vede protagonista il giovane Cem, figlio di un dissidente comunista, che, abbandonato dal padre, diventerà apprendista di un costruttore di pozzi, Mahmut Usta, trovando in lui una figura paterna.

Libri che esistono solo nei film

A noi mostri è capitato spesso di immaginare libri non ancora realizzati, di inventare nomi per collane che ancora non esistono e addirittura di teorizzare interi cataloghi di case editrici inventate di sana pianta dalla nostra mente. Fra i libri che non esistono (non ancora almeno, o non per il grande pubblico), ma che in passato qualcuno ci ha permesso di immaginare (quando non addirittura di vedere, magari sullo schermo) questi sono i nostri preferiti.

La vendetta del diavolo

La vendetta del diavolo, Joe Hill  Sperling & Kupfer, marzo 2012, traduzione di C. Cappi, ISBN: 978-8820051471 Seconda tappa per questa maratona horror estiva. L’autore di questo libro è diventato negli ultimi anni uno dei miei preferiti per il genere. Joe Hill, all’anagrafe Joseph Hill King, scrive racconti, romanzi e sceneggia fumetti – come l’acclamato Locke & Key, edito in Italia da Magic Press – di ispirazione lovecraftiana.

Racconti da leggere con un drink a portata di mano

Happy Hour, Mary Miller Edizioni Black Coffee, 2017, ISBN: 978-8894833027 Happy Hour di Mary Miller è il terzo libro pubblicato da Black Coffee, e, come gli altri, ha una bella copertina illustrata che parla. Dice che quelle raccolte in Happy Hour sono storie di donne, e che donne: un po' dive, un po' maledette, molto annoiate, disilluse, pienamente responsabili dello sfascio delle loro vite, lasciate andare a rotoli senza neanche provare a fare qualcosa per recuperarle. Ed è così.

Vacanze in balcone

Vacanze in balcone, Fulvia Degl’Innocenti Biancoenero Edizioni, 2017, Collana: Zoom, illustrazioni di Noemi Vola, ISBN: 978-8899010546 Fin da subito il titolo e l’immagine di copertina mi hanno fatto pensare a una situazione da commedia all’italiana. E infatti un po’ di quello spirito si trova nel racconto di una famigliola piccolo borghese, relegata a vivere in un grande condominio solitario perché la speculazione edilizia in cui era inserito è sfumata in una bolla di sapone. Così, gli abitanti della costruzione di cemento alla periferia di un’anonima città del nord costituiscono una sorta di comunità autonoma, isolata dal resto del mondo, dove i bambini giocano nel giardino di un vecchio cimitero dismesso e gli adulti si ritrovano al Circolo delle Freccette, allestito in una stanza comune al pianterreno.

La ragazza che riempì il mare

Valentina Olivato torna alla scrittura con Il piccolo libro delle maree Il piccolo libro delle maree, Valentina Olivato Pendragon (27 luglio 2017), ISBN: 978-8865988770

È un viaggio nel viaggio, Il piccolo libro delle maree di Valentina Olivato.

Il viaggio di Fiodor, il marinaio il cui nome ricorda Dostoevskij e che dal suggestivo Mont Saint-Michel giunge coi suoi compagni di equipaggio fino a Venezia, sfidando l'oceano atlantico e "circumnavigando", certo non con la fretta di Mister Fogg, luoghi di onde e nuvole da cui lancia intensi messaggi nella bottiglia: il Portogallo, gli Stati Uniti d'America e l'America latina.

Loney

Loney, Andrew Michael Hurley  Bompiani, 2016, trad. di V. Vega, ISBN: 978-8845281174 L’estate, si sa, è la stagione dell’horror. Per ragioni “antropologiche”, se vogliamo; in estate si sta fuori più a lungo e più volentieri, si va alla ricerca di emozioni forti. È una sorta di compulsione: chi non ha qualche ricordo di lunghe notti estive, passate a raccontarsi con gli amici le peggiori storie di fantasmi del proprio repertorio, alla ricerca di quel morboso - ma ammettiamolo, piacevole - brivido?

Storia del maestro che sfidò la guerra

Storia del maestro che sfidò la guerra, Alberto Melis Mondadori, 20 giugno 2017, Collana: Oscar primi junior, illustrazioni di Elisa Macellari, ISBN: 978-8804676225

Scrivere di libertà non è facile. Si rischia di tratteggiare un concetto altisonante e molto artificiale. In Storia del maestro che sfidò la guerra, invece, la libertà è qualcosa di pratico. È fatta di carta e di parole, di persone che leggono e scambiano i propri pensieri.

Cattivi come noi. Senza cattivi che storia sarebbe?

Cattivi come noi, di Clotilde Perrin Franco Cosimo Panini Editore, ottobre 2016, traduzione di Giulia Calandra Buonaura, ISBN: 9788857011400 Quando a scuola si studiano i generi narrativi, tra i personaggi indispensabili per la buona riuscita di una fiaba, quelli da cui assolutamente non si può prescindere, non manca mai un antagonista: la strega, l'orco o il lupo. Senza i cattivi che storia sarebbe? Un cattivo serve sempre. Altrimenti chi mai riuscirebbe a sconfiggere il protagonista? Senza i cattivi non ci sarebbero gli eroi.

La portavoce degli oceani che fece immersioni anche col pancione

La signora degli abissi – Sylvia Earle si racconta è l’ultimo titolo della collana “Donne nella scienza” La signora degli abissi – Sylvia Earle si racconta, di Chiara Carminati Editoriale Scienza, marzo 2017, illustrazioni di Mariachiara Di Giorgio, ISBN: 9788873078816 Di ragazzine che sognano una vita come quella di Sylvia Earle sono piene le piscine. Alcune hanno delfini tatuati sulle spalle, altre le onde che si infrangono sulla riva riflesse nel luccichio degli occhi. Riuscire a trasformare l'amore per il mare nel proprio mestiere, però, non è da tutti. Serve passione, coraggio, studio e, prima ancora, circostanze. Il caso o il destino, chiamatelo come vi pare.

La nonna addormentata

La nonna addormentata,  Roberto Parmeggiani, Illustrazioni di João Vaz de Carvalho Kalandraka, 2015, Collana: Libri per sognare, ISBN: 9788895933467 Il tema della malattia, della mancanza e della morte non è facile da affrontare da adulti, figuriamoci da bambini. Eppure fa parte della vita, prima o poi tocca averci a che fare. E allora può essere utile un libro illustrato per cercare di arrangiare un po’ le cose, raccontando una dolce storia tra nonna e nipote, una trasfigurazione in fiaba per affrontare delicatamente la malattia e la morte. Così la nonna diventa la bella addormentata che sogna un principe azzurro che la baci, la svegli e se la porti, felice, via con sé.

L’arte s’impara da piccoli!

Alla scoperta di Piero Manzoni, Jackson Pollock e Yves Klein. Cos’è il dripping? Perché questo quadro è tutto blu? Come fa una linea infinita a stare dentro un barattolo? E a essere infinita, poi?! Raccontare l’arte contemporanea ai bambini può esser un’impresa ardua, sebbene siano loro il pubblico migliore per opere come queste. Con questi tre splendidi libri di Fausto Gilberti, editi da Corraini, riusciremo a rispondere a tutte queste domande. Piero Manzoni, Jackson Pollock e Yves Klein sono gli artisti che Gilberti ci presenta, con una prosa asciutta, dosata, e un segno grafico altrettanto essenziale. Nessuna parola è superflua, nessuna illustrazione dispersiva. Le vite dei tre artisti e le loro caratteristiche salienti vengono racchiuse in poche pagine, con semplicità e leggerezza, ma senza nessun accenno di banalità.

Quanti pasticci, Ricottina!

Quanti pasticci, Ricottina!, di Roberta Mastruzzi Einaudi Ragazzi, 2017, Illustrazioni di Angela Marchetti, ISBN: 9788866563747 Ricordate quel sentirsi fragili e diversi? Quel guardare il mondo con gli occhi dell’incertezza? La protagonista di Quanti pasticci, Ricottina! è una ragazzina che fatica a collocarsi nel mondo. Il suo corpo è fatto di morbida ricotta e questa caratteristica la costringe a muoversi con estrema attenzione. I suoi gesti sono lenti e misurati, la sua relazione con l’ambiente che la circonda è impregnata di un forte senso di diversità. Il suo percorso, però, trasforma questa diversità in una forza, in un tassello fondamentale per costruire la propria identità.